Cos’è il Club dei Ventitré?

È un’associazione culturale costituita nell’aprile del 1987 che vuol essere un punto di riferimento per tutte le persone che sono interessate a Giovannino Guareschi e alla sua opera.

(Stralcio dello Statuto del Club dei Ventitré)
Art.3- «Scopo dell'Associazione è: promuovere studi, ricerche, convegni, seminari e ogni altra iniziativa svolta a favorire la comprensione, l'approfondimento e lo sviluppo della cultura italiana del nostro secolo sia in generale che in particolare, con riferimento al ruolo nazionale e internazionale che, in tale ambito, spetta all'opera di Giovannino Guareschi. (...)"»

Art.4- «L'Associazione è apolitica e apartitica; non persegue scopi ideologici di qualsivoglia natura e si fa garante del pieno e totale rispetto dell'autonomia e libertà di orientamento politico, ideologico e culturale degli associati."»

Il Club dei Ventitré conserva l’archivio Guareschi di proprietà degli Eredi che comprende circa 200.000 documenti: nel 1992 il Soprintendente Archivistico per L’Emilia-Romagna del Ministero dei beni culturali e ambientali ne ha dichiarato il "notevole interesse storico": "perché il suo corpus complesso e articolato, comprende numerosissimi carteggi di ed allo scrittore, la cui notorietà e le cui vicende politiche ne fanno fonte di primario interesse per la storia politica, sociale e culturale in Italia, dagli anni ’40 alla fine degli anni ’60 di questo secolo. L’importanza dell’archivio crescerà ovviamente col passar del tempo e l’intensificarsi degli studi di Italia Contemporanea".

È stata perfezionata una convenzione con la Soprintendenza per i beni Librari e Documentari dell’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna per la catalogazione – a sua cura - dell’archivio fotografico di Giovannino Guareschi (software Sebina Multimedia). Le immagini possono essere visionate nel sito http://www.imago.sebina.it/SebinaOpacIMAGO/Opac. Dalla sua costituzione ad oggi

L’attività culturale del Club si svolge su diversi piani e utilizzando diversi veicoli d’informazione:

1) il Centro Studi,
2) il quadrimestrale d’informazione «Il Fogliaccio»,
3) Mostre antologiche, conferenze e Caffè Letterari.

Centro studi e Archivio

Il Club dei Ventitré dà informazioni attingendole dall'archivio Guareschi nel piccolo Centro studi che è aperto a tutti, è nella Sala delle damigiane che prende il nome dal lampadario disegnato da Giovannino e ne custodisce la biblioteca alla quale fanno compagnia le opere d'arte del maestro intagliatore Francesco Vitulano, padre della nostra socia Laura (ghirli2000@hotmail.com). È il cuore dell'associazione e tutti gli appassionati di Giovannino possono consultare le numerosissime edizioni straniere delle sue opere. Mette gratuitamente a disposizione dei numerosi studenti che vengono per documentarsi per la tesi tutta la documentazione cartacea e elettronica dell’Archivio Guareschi (attualmente sede di una mostra sulle Prove d'archivio a cura di Cristiano Dotti il quale ha iniziato l'inventariazione analitica delle lettere ricevute da GG in carcere) e l’attrezzatura elettronica di cui è dotato. Il Centro è in contatto con diversi altri Centri e Fondazioni fornendo a tutti gli interessati notizie anche tramite il dominio internet Tutto il mondo di Guareschi e la posta elettronica

clubdeiventitre@gmail.com

«Il Fogliaccio»:

Compila e invia ai soci il quadrimestrale di informazione «Il Fogliaccio» che dà notizia di tutto quanto viene fatto per approfondire e diffondere la conoscenza di Giovannino Guareschi.

Sala per Mostre

e

Sala conferenze «Franco Tedeschi»

Mette a disposizione la mostra itinerante «Tutto il mondo di Guareschi» che ha già fatto 137 tappe e ne cura un’altra permanente Giovannino, nostro babbo nella sala dei Timoni nella sede qui a Roncole Verdi (PR. Nella stessa sala vengono allestite periodicamente mostre legate a Giovannino Guareschi, alle sue opere e al Mondo piccolo, oltre a mostre “ospiti” estemporanee. Inoltre dispone della sala per conferenze «Franco Tedeschi» .

Ha condotto per ventun anni e fino al 2012 il premio letterario «Giovannino Guareschi» per un racconto inedito sul tema «Il mondo piccolo» inteso come piccola realtà locale.

Una particolarità: il Club usufruisce di un santo protettore “su misura”, Sant’Antonio Abate che è, scrive su «Libero» Egidio Bandini nella sua rubrica settimanale “Mondo piccolo” «il protettore più gettonato nella Bassa, per la sua vocazione a difendere uomini, animali e prodotti della terra. Giovannino Guareschi conosceva bene le virtù del patrono, ma sapendo che gli sarebbe servito, per le sue imprese, un Sant’Antonio efficace ben oltre la data canonica del 17 gennaio, fece realizzare il murale in ceramica che campeggia sulla parete del cortile a Roncole Verdi dove, accanto al Santo, oltre il porcellino regolamentare e gli animali da cortile, si trovano: un culatello, una forma di parmigiano, una bottiglia di lambrusco e una spiga di grano “Gentilrosso” per il ristorante e la campagna; un pesce che nuota nell’acqua che scorre fra due coppi, per le maestranze impegnate nelle costruzioni e una caffettiera napoletana perché il Santo tutelasse anche il Caffè di Giovannino. Oggi, il ristorante è diventato la sede del Club dei Ventitré, il Caffè Guareschi è sempre aperto e le costruzioni non sono terminate: Sant’Antonio ha ancora il suo bel daffare.»


RINNOVO e ISCRIZIONE 2018

Euro 40,00 (idem per l’estero) comprensivo di spese postali

I pagamenti devono essere intestati al
Club dei Ventitré, 43011 Roncole Verdi (PR)
(CF 91005010342)
e possono essere effettuati:

• con versamento sul c/c postale n. 11047438;
• con assegno bancario, circolare o postale;
• con bonifico bancario sul conto 652 - Intesa Sanpaolo S.p.A. – Agenzia di Busseto
IBAN IT91Z0306965673000000000652
BIC: BCITITMM