La storia di Giovannino senza paura (1968)
22 luglio 1968: a Cervia, il congedo 

Giovannino muore a Cervia (RA) per infarto cardiaco.
Le rosse bandiere dei socialisti della Bassa sventolavano sotto la sua finestra quando, il Primo maggio di sessant’anni prima, nacque a Fontanelle. La bandiera con lo stemma, la stessa che accompagnò nel suo ultimo viaggio la signora Maestra, lo accompagnò al cimitero delle Roncole. Per tutta la vita sventolò per lui la bandiera della Libertà.
 

«L’Italia meschina e vile, l’Italia provvisoria, come lo stesso Guareschi con amara intuizione la definì nel 1947, ci ha fornito ieri l’esatta misura del limite estremo della sua insensibilità morale e della sua pochezza spirituale. 

«Giovannino Guareschi lo scrittore italiano pi letto nel mondo con traduzioni in tutte le lingue e cifre di tiratura da capogiro. Ma l’Italia ufficiale lo ha ignorato. Molti dei nostri attuali governanti devono pur qualcosa a Guareschi e alla sua strenua battaglia del 1948 se oggi siedono ancora su poltrone ministeriali, ma nessuno di essi si mosso. Nessuno di essi si fatto vivo (...). Anche Giovannino Guareschi ormai riposa al cimitero dei galantuomini. È un luogo poco affollato. L’abbiamo capito ieri, mentre ci contavamo tra di noi vecchi amici degli anni di gioventù e qualche giornalista, sulle dita delle due mani.» 
 


Baldassarre Molossi, «Gazzetta di Parma», 25 luglio 1968